2.1 Control Bar

Una volta caricato il file, potete navigare nella scena usando la Barra di Controllo. La barra è suddivisa in 5 parti: a) navigazione b) anteprima del file .c4d c) opzioni di salvataggio file e immagini d) asset e) link alla Documentazione. I settaggi di navigazione si dividono in 3 sotto-categorie: selezione camera, navigazione camera, inquadratura della scena.

1) Qui potete selezionare qualunque camera o punto di vista salvati all’interno del file .c4d. Se una camera è bloccata avrà accanto un’icona con lucchetto. Le camere bloccate possono essere sbloccate rimuovendo il tag Protezione in Cinema 4D. 2) Navigazione della scena 3) Zoom della scena 4) Rotazione della scena intorno agli oggetti. Selezionate un oggetto nel pannello Scene Structure per ruotargli attorno. Se nessun oggetto è selezionato, la camera ruoterà attorno al centro assoluto della scena .c4d. 5) Inquadratura degli oggetti: regola la vista affinché l’oggetto selezionato nel pannello Scene Structure si adatti e riempia la finestra di Cineware. 6) Inquadratura della scena: regola la vista affinché tutti gli oggetti presenti nel file .c4d si adattino e riempiano la finestra di Cineware. 7) Ripristino della posizione originale della camera: riporta la vista alla posizione originale salvata nel file .c4d

5. Inquadra l'oggetto

6. Inquadra la scena

7. Torna alla posizione originale

Per passare ad uno spazio di lavoro che contenga tutti questi pannelli, potete selezionare il layout 3D installato con il plugin. Per accedere, andate al menu a discesa in alto a destra nell’interfaccia di Illustrator.

L’area dedicata alle opzioni di visualizzazione vi permette di definire come dovranno apparire gli elementi di Cinema 4D in Illustrator. In termini di 3D, serve a definire la qualità del rendering, le maschere di trasparenza o l’alfa. Nel dettaglio: 8) Pause Rendering: attivate questa opzione per aumentare le prestazioni durante la modifica degli elementi vettoriali in Illustrator. Cineware non aggiornerà le texture ne eseguirà nuovi rendering fino a quando non andrete a disabilitare l’opzione con un nuovo clic. 9) Il menu relativo alla qualità vi consente di selezionare tra le seguenti modalità di rendering:

Modo: Draft
La modalità più veloce per lavorare con i file. Si tratta di un’anteprima OpenGL che vi permetterà di navigare in modo scorrevole nella scena e di ottenere una rapida anteprima delle texture senza dover attendere il rendering.  Il modo Draft include un cielo predefinito (nel caso non sia già presente nel file di scena .c4d.), per simulare le riflessioni. In questo caso, le riflessioni appariranno diverse nel modo Draft rispetto ai modi Low Quality e High Quality.

Modo: Low Quality
Offre un’anteprima della qualità delle luci, delle ombre e dei materiali, così come appariranno nel rendering high-quality. Il disturbo è maggiore ma l’anteprima è più rapida. Usate questa modalità per verificare se tutto appare come voluto; poi passate al modo Draft per ulteriori modifiche oppure al modo High Quality per l’output finale. I settaggi del modo Low Quality equivalgono al rendering progressivo one-pass in Cinema 4D.

Modo: High Quality
Offre i settaggi ideali per il rendering finale. Usate questa modalità una volta terminato il progetto. Dal momento che questo modo intensifica il lavoro della CPU, potrebbero rendersi necessari tempi più lunghi per il completamento. Ciò è assolutamente normale.

Modo: Custom

Se il file .c4d include Settaggi di Rendering specifici, l’opzione Custom utilizzerà tali parametri per renderizzare la scena.

Il settaggio successivo nell’area delle opzioni di visualizzazione è il modo Trasparenza. 

10) Questo metodo è l’ideale se desiderate isolare dallo sfondo un modello 3D per inserirlo tra altri elementi 2D nella tavola di disegno. Se passate ad Alfa, e non avete un oggetto sfondo che occupa l’intera inquadratura, otterrete il ritaglio del vostro oggetto. Se la scena di Cinema 4D contiene un buffer oggetto (maschera oggetto personalizzata) sarete in grado di selezionarlo dal menu. Notare che il buffer oggetto non può essere usato in modo Draft. È necessario passare ad un livello di qualità diverso (Low, High o Custom).

Modo Trasparenza: Nessuno

Modo Trasparenza: Alfa

Modo Trasparenza: Oggetto Buffer

Impostare un Buffer Oggetto è davvero semplice:



In Cinema 4D, cliccate con tasto destro l’oggetto che desiderate mascherare e scegliete Cinema 4D Tag/Compositing (a). Una volta aggiunto, cliccate sul tag Compositing e passate alla tab Buffer Oggetto in Gestione Attributi. Cliccate la casella Abilita (b). 



Ora che avete creato un Buffer Oggetto dovete attivarlo nei Settaggi di Rendering. Nella finestra dei Settaggi di Rendering cliccate il pulsante Multi-Pass e scegliete Buffer Oggetto (c). Assegnate un nome descrittivo al Buffer Oggetto nell’elenco con un doppio clic. Una volta salvato il file, potrete selezionare il Buffer Oggetto in Illustrator.

a. Buffer Oggetto

b. Settaggi Buffer Oggetto

c. Settaggi di Rendering

In questa sezione troverete i controlli per salvare il rendering come file PNG o per esportare in un nuovo file .c4d le modifiche apportate in Illustrator. In dettaglio:

11) Parametri per la risoluzione del rendering. Se la vostra scena di Cinema 4D contiene un’animazione, potete specificare quale frame sarà visualizzato in Illustrator; 12) Pulsante Salva Immagine. Quando sarete soddisfatti del vostro rendering, potete salvarlo come singola immagine usando questo comando; 13) Pulsante Salva File: usate questo pulsante per esportare un file .c4d contenente le modifiche apportate alla vista, agli oggetti o ai materiali in Illustrator. Dopo aver eseguito eventuali modifiche in Cinema 4D, dovete re-importare il file .c4d aggiornato in Illustrator con il comando Inserisci (selezionate prima il file .c4d esistente e cliccate Sostituisci nella finestra di dialogo Inserisci)

MAXON è partner di TurboSquid nell’offerta di modelli 3D e di packaging predefiniti. Cliccate questo pulsante per aprire la finestra in cui navigare tra le risorse disponibili.

15) Pulsante Cineware: apre il sito web dedicato a Cineware for Illustrator. Qui si trovano maggiori dettagli su comandi specifici, video informativi ed info sullo sviluppo di questo plugin.